Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2011

La rincorsa delle Moving Rocks

Immagine
Battezzate Moving Rocks rappresentano uno degli enigmi più curiosi della geologia. Il riferimento è a rocce presenti nella Valle della Morte che, in pratica, si muovono senza essere viste. Si lasciano alle spalle lunghe scie sul terreno di argilla secca, ma non si comprende il fenomeno che consente loro di spostarsi su piani pressoché orizzontali. I primi studi delle Moving Rocks risalgono al 1969. Robert P. Sharp del California Institute of Technology ne contò 25: una di esse s'era lasciata alle spalle una traccia lunga 64 metri. Fra le varie ipotesi avanzate dai geologi c'è quella relativa all'azione di forti piogge che renderebbero viscido il fondo del deserto, associata alla formazione di sottili strati di ghiaccio e all'azione del vento. In altri casi si è anche parlato di perturbazioni magnetiche e terremoti.

Polmoni a rischio se la strada è troppo trafficata

Immagine
Giovanissimi che vivono a 500 metri da una strada molto trafficata, potrebbero subire problemi di sviluppo polmonare. Il rischio è alto soprattutto per i bimbi che ogni giorno sono costretti a far la spola casa-scuola, passando per strade molto battute. Sono i risultati divulgati da studiosi dell’University of California, sulla rivista The Lancet. Gli esperti dicono che i fumi tossici delle automobili possono scatenare malattie croniche come l’asma e - nella peggiore delle ipotesi - il rallentamento dello sviluppo dei polmoni. Lo studio ha coinvolto quasi 4mila ragazzi, seguiti dai 10 ai 18 anni, periodo fondamentale per lo sviluppo. Quelli che vivevano a 500 metri da strade molto inquinate hanno mostrato funzioni polmonari ridotte rispetto a chi vive a un chilometro e mezzo dalle zone più trafficate. Gli scienziati non conoscono esattamente il motivo per cui l’aria inquinata possa impedire ai polmoni di svilupparsi, ma credono che in qualche modo la continua irritazione dei bronchi p…

La bufala del sauropode

Immagine
La prova che uomini e dinosauri coesistettero? La riporta un graffito ritrovato in una caverna dello Utah, negli Stati Uniti. I creazionisti urlano alla vittoria. L'immagine raffigura un animale dotato di un lungo collo e zampe gigantesche, aspetti tipici di alcuni rappresentanti dei sauropodi. Ma gli scienziati, naturalmente, se la ridono, dicendo che è impossibile: con ogni probabilità il reperto americano raffigurerebbe una specie di serpente disegnato da una mano poco esperta, “disturbata” da agenti esterni, tipo macchie di fango. Autore dell'opera, un nativo americano vissuto qualche migliaio di anni fa, in America. Ancora una volta, quindi, si verifica lo scontro fra creazionisti e darwinisti, ma la battaglia è vinta in partenza dai secondi. Dinosauri e uomini non possono essere convissuti per il semplice fatto che i primi sono scomparsi milioni di anni prima che un essere umano muovesse anche solo un passo sulla terraferma. Le difficoltà a comprendere l'enorme abis…

L'ultimo saluto di Houdini

Immagine
Dorothy Young, l'ultima sopravvissuta a un'esibizione del grande illusionista Harry Houdini, se n'è andata il 20 marzo a 103 anni, in una casa di cura del New Jersey. La notizia è stata divulgata dalla Drew University, dove la Young era stata nominata patrona delle arti. L'assistente dell'illusionista più famoso del mondo ha preso parte alla compagnia di Houdini appena diciassettenne, dopo un viaggio con la famiglia a New York. La sua attività è proseguita dal 1925 al 1926. Durante i suoi show cantava, ballava e recitava. Nella sua carriera ha anche scritto un libro intitolato: “Diary Without Dates and Dancing on a Dime”.

Chi era Houdini?
Harry Houdini, pseudonimo di Ehrich Weisz (Budapest, 24 marzo 1874 – Detroit, 31 ottobre 1926), è stato un illusionista e attore statunitense. Nel 1891 diviene un illusionista professionista. Inizialmente si applica ai giochi di carte e alle altre arti di prestigio tradizionali, ma comincia ben presto a sperimentare le sue famose “…

La terapia dello scarafaggio

Immagine
Siamo soliti pensare agli scarafaggi come a creature orripilanti con le quali non avere nulla a che fare. Li riteniamo, in più, insetti potenzialmente nocivi per l'uomo, perché quasi sempre presenti in luoghi poco puliti. Eppure, dalle ricerche condotte da Naveed Khan e Simon Lee, dell'University of Nottingham, proprio di essi potremmo aver bisogno per fronteggiare malattie provocate da batteri come lo Staphylococcus aureus, che prolifera anche nei reparti di terapia intensiva, resistendo agli antibiotici. Gli esperti hanno individuato nei tessuti nervosi degli scarafaggi diverse proteine che li difendono da questo tipo di microrganismi. È emerso che l'applicazione di un estratto proteico dal cervello delle blatte è in grado di uccidere il 90% dei batteri presenti in apposite colture di laboratorio. Da qui il passo potrebbe essere breve per giungere all'ottenimento di farmaci di nuova generazione basati proprio sulle proprietà “terapeutiche” di origine insettivora. Le …

Anche i gatti hanno i loro momenti di (puro) relax...

Immagine

MULTIUNIVERSI, LA TESI DI LISA RANDALL

Immagine
Lisa Randall (1962), fisica statunitense, fra i massimi esperti di fisica delle particelle e cosmologia. È stata la prima donna a insegnare fisica a Princeton e a Harvard. Newsweek l'ha definita come “una dei più promettenti fisici teorici della sua generazione” e Time Magazine l'ha inserita nell'elenco delle cento persone più influenti del 2007.

Gennaio 11, Festival delle Scienze
È POSSIBILE PREVEDERE LA FINE DEL MONDO?
La fine della Terra è connessa a quella del Sole che, secondo le più attendibili previsioni scientifiche, dovrebbe avvenire tra cinque miliardi di anni. Altri studi ne ipotizzano più di sette. I più pessimisti di un miliardo di anni. Ma si tratta di un arco di tempo incredibilmente ampio e potrebbe riservarci parecchie sorprese, cambiamenti del tutto imprevedibili. Non è detto, tra l’altro, che lungo questa strada non ci siano pericoli gravi per l’ambiente, creati da noi stessi, con i quali dovremo fare i conti.
E LA FINE DELL'UNIVERSO?
In questo ca…

Una rondine non fa primavera, ma una Bellis perennis sì

Immagine
Ogni anno, con la primavera, mi è impossibile non soffermarmi sulle tante specie vegetali selvatiche che battono ciglio per la prima volta nel mio giardino dopo i rigori invernali. E come ogni marzo che si rispetti sono sempre le stesse specie a farsi notare per prime. Eccole.

Il primo supermercato vegano

Immagine
Eccolo: il primo supermecato d'Europa, interamente dedicato ai vegani. Banditi anche uova, latte e miele. Si trova a Dortmund, in Germania. Aperto da pochissimo (dal 26 febbraio), sta già riscuotendo un clamoroso successo. Chiarissimo il proprietario: "La mia scelta è del tutto etica, gli animali vanno lasciati vivere e riprodursi per i fatti loro, non vanno sfruttati". Qualche interessante proposta alimentare? Salame a base di tofu, glutine di frumento, riso e mandorle, ali di "pollo" di soia… Il numero di prodotti è molto ampio e in caso di difficoltà nel recuperare l'alimento più appropriato si può fare affidamento su un personale rappresentato da sedici dipendenti. Si è arrivati a questa soluzione sollecitati dai numerosi vegani presenti in città: si calcola che ce ne siano almeno 600mila, un vero squadrone, se rapportato al numero complessivo di abitanti. Prima la struttura funzionava solo come mercato online (www.vegan-wonder-land.de), poi la richiest…

DOMANDE RADIOATTIVE

Immagine
Quali sono le radiazioni nocive per l'uomo?

Sono soprattutto quelle "ionizzanti". Queste radiazioni (in rosso nel grafico) sono rappresentate dai raggi x e dai raggi gamma: possono provocare la rottura dei legami chimici del DNA, predisponendo a mutazioni genetiche nell'individuo e all'insorgenza di gravi patologie.
Quante sono le centrali nucleari in Europa?
Sono 195 le centrali nucleari oggi attive in Europa. Tredici sono collocate a meno di 200 chilometri dai nostri confini. Le province italiane esposte a maggior rischio, secondo l'Agenzia Nazionale per la protezione ambientale, sono Cuneo, Torino, Aosta, Varese, Sondrio, Bolzano, Udine e Trieste.



Da quanti punti è composta la scala internazionale degli eventi nucleari e radiologici (INES)? Si possono fare degli esempi?

1. Anomalia. Qualsiasi violazione dei limiti operativi in un impianto nucleare.
2. Guasto. Atucha, Argentina, 2005: gli addetti furono esposti a un livello di radiazioni superiore al limite ann…

Analisi di laboratorio sprint... grazie ai detersivi

Immagine
Sostanze impiegate per le pulizie domestiche potrebbero facilitare gli studi di genetica. E far risparmiare, a paesi come gli Stati Uniti, qualcosa come 37 milioni di dollari all’anno. È la scoperta effettuata da due ricercatori del John Hopkins Kimmel Cancer Center di Baltimora, in USA. Gli esperti hanno verificato che, tra i comuni principi attivi utilizzati per produrre i detersivi, sussistono molecole che possono essere sfruttate efficacemente anche nel campo delle analisi del DNA. Un composto su tutti ha dimostrato la sua validità: il borato di sodio. Come avviene tutto ciò? Per le analisi del DNA ci si serve del fenomeno dell’elettroforesi. Con esso le particelle colloidali o gli ioni macromolecolari dotati di carica elettrica si muovono sotto l’influenza di un campo elettrico. La differenza tra la velocità di migrazione delle varie particelle fornisce ai ricercatori un metodo utile per l’analisi e la separazione di sostanze altrimenti difficilmente frazionabili. Oltre all’anali…

Uno squalo da 700 dollari

Immagine
Il megalodon (Carcharocles megalodon) è il più grande squalo che sia mai esistito, riconducibile alla famiglia dello squalo bianco attuale. Era lungo dai 12 ai 30 metri, con denti lunghi fino a 17 centimetri e il peso di 100 tonnellate. Viveva nei mari meridionali del pianeta fino a 10-15mila anni fa, nutrendosi di altri squali e balene. Il cacciatore di fossili Vito Bertucci ha ricostruito con successo la gigantesca mascella dell'animale, partendo da resti scheletrici trovati in South Carolina: il reperto verrà battuto a un'asta texana partendo da 700 dollari.

Homo Jason Holley

Immagine

Anelli di ossa... umane

Immagine
Volete davvero dimostrare il vostro amore al partner? E allora regalategli una parte di voi stessi: per esempio un anello ricavato da un vostro osso. È la proposta ai limiti della fantascienza diffusa in Inghilterra dall’Evening Standard. L’idea è di Nikki Stott e Tobie Kerridge, ricercatori del Royal College of Art di Londra. C’è già chi si è messo in fila per poter convolare a nozze con fedi di osso umano, anziché in oro zecchino. Ma come è possibile ricavare un anello di osso umano da scambiare al momento clou della celebrazione matrimoniale? Tramite il dentista. I due fantasiosi studiosi hanno, infatti, visto che, durante l’asportazione del dente del giudizio, è possibile prelevare delle scaglie ossee che, “assemblate” tra loro in una coltura apposita, possono essere lavorate in modo da ottenere un anello. Il via alla sperimentazione è avvenuta da poco, in concomitanza all’autorizzazione ottenuta dai due scienziati di prelevare i primi campioni di osso umano da quattro coppie che …

Al raduno annuale... dei serpenti a sonagli

Stressati e introversi: il segreto per campare cent'anni

Immagine
Contrordine: lo stress fa bene alla salute. Ancora una volta la medicina smentisce se stessa. Di questo passo si finirà col credere che non c'è più nulla di sicuro, e che tutto ciò che è stato appurato dalla scienza negli ultimi anni, rischia di dover essere ripreso in considerazione. Dello stress, infatti, si è sempre parlato male. Oggi, invece, emerge che lo stress fa bene. (Non stupiamoci, perciò, di sentire fra un po' che anche il colesterolo alto ha il suo perché). È il dato emerso dal “Longevity project”, studio iniziato nel 1921 dallo psicologo Lewis Terman, della Stanford University, e continuato dai suoi colleghi Howard S. Friedman e Leslie R. Martin. 90 bambini sono stai seguiti dalla loro nascita fino alla morte: così s'è potuto vedere che per “campare cent'anni” è necessaria anche una buona dose di stress. Chi non si stressa a sufficienza, infatti, rischia di più di cadere vittima delle cattive abitudini, con tutte le conseguenza del caso. Meglio quindi un …

Giappone: lo tsunami del 1983

Immagine

Il semicoma? Si risolve introducendo due elettrodi nel cervello

Immagine
Un paio di elettrodi inseriti nel cervello promettono di restituire la vita a chi da anni vive in uno stato di semicoma. È quanto emerge dallo studio affrontato da ricercatori del NewYork-Presbyterian/Weill Cornell, del JFK Johnson Rehabilitation Institute di Edison e della Cleveland Clinic Foundation. Sei anni fa un cittadino americano di 38 anni stava tranquillamente passeggiando per la sua città, quando all’improvviso dei malviventi lo hanno aggredito. L’uomo è crollato a terra privo di sensi. Trasportato d’urgenza all’ospedale, i medici hanno constatato che le sue funzioni cerebrali non erano del tutto compromesse, tuttavia la vittima dell’aggressione non era più in grado né di muoversi, né di parlare. Riusciva soltanto a muovere leggermente un pollice. In queste condizioni, dicono i ricercatori, ci sono almeno 200mila americani. La proposta degli studiosi statunitensi è, dunque, quella di intervenire su questo tipo di pazienti, applicando loro due elettrodi in un'area precisa…

Un night hospital per vincere l'insonnia

Immagine
Nasce a Torino, presso l’ospedale Molinette, il primo night hospital italiano per curare le patologie del sonno. Intende andare incontro a quel 10 percento della popolazione che fatica a dormire, compromettendo l’attività lavorativa e le relazioni sociali: il servizio è rivolto a chi dorme troppo poco, ma anche a chi soffre di ipersonnia, di apnee notturne, di incubi ricorrenti e di sonnambulismo. Gli specialisti torinesi si avvalgono di raffinati strumenti diagnostici: ci sono il polinnigrafo, l’actigrafo, il poligrafo, il saturimetro. Il primo serve a scrutare tutto ciò che accade nel cervello del malato: la sua attività cerebrale, quando entra in fase Rem, ecc. Il secondo ha lo scopo di registrare il ritmo sonno-veglia. Il terzo indica l’attività cardiaca e respiratoria. Il quarto serve per calcolare la quantità di ossigeno nel sangue. In pratica il nuovo centro dell’ospedale Molinette entra in servizio quando tutti gli altri reparti chiudono e consente di sottoporsi a esami specia…

Tsunami in Giappone: il video

Immagine
Il terremoto avvenuto in Giappone poche ore fa. Nel video (dell'emittente pubblica NHK), lo tsunami distrugge tutto ciò che incontra sul suo cammino con onde alte fino a sei metri. L'evento sismico - 8,9 della scala Richter - ha coinvolto anche la capitale nipponica e sarebbe il settimo più potente nella storia: è stato percepito fino a Pechino. Sapendo in anticipo dell'arrivo dell'onda anomala, i cittadini di Tokyo sono, però, riusciti a correre ai ripari. Per il momento risultano 19 vittime e una ventina di feriti. L'epicentro è stato individuato a 24,4 chilometri di profondità.

La furia del Kilauea

Immagine

200 volte più "potente" dello zucchero

Immagine
L'aspartame è un dolcificante artificiale impiegato nell'industria alimentare. Lo troviamo nelle bibite gassate, nei chewing-gum, nelle gelatine, nei dessert, nelle caramelle. È molto utilizzato anche nei prodotti dietetici: nonostante le sue caratteristiche dolcificanti, infatti, non fornisce calorie. La sua scoperta avviene in modo del tutto casuale, un classico caso di serendipity (neologismo indicante la sensazione percepita quando si scopre qualcosa di bello, cercando tutt'altro). Protagonista della scoperta il chimico James M. Schlatter, al lavoro presso la ditta G.D. Searle & Company, in Illinois, attiva dal 1885. Corre l'anno 1965. Schlatter passa ore e ore in laboratorio alla ricerca di un farmaco che possa guarire o migliorare l'ulcera, malattia che colpisce le mucose del tratto digerente esposte all'azione dei succhi gastrici. Lavora con due aminoacidi: acido aspartico e fenilalanina. Il primo è un amminoacido polare che nel cervello dei mammife…

Il sesso allunga la vita?

Immagine
Chi fa sesso tre volte alla settimana guadagna in media 10 anni di vita in più. Sono le conclusioni di uno studio effettuato da ricercatori del Royal Hospital d’Edimburgo. Gli scienziati hanno visto che una buona attività sessuale tiene al riparo da malattie come tumori, diabete e ipertensione. Inoltre la sua azione benefica contribuisce a far passare il mal di testa e soprattutto a favorire lo sviluppo del sistema nervoso, neutralizzando l’ansia: la sua efficacia è dieci volte superiore al valium. “Fare l’amore almeno tre volte ogni sette giorni – dice David Weeks, ricercatore presso l’ospedale scozzese - prolunga la speranza di vita di una decina d’anni”. A fianco di David Weeks si schierano molti altri studiosi concordi nell’affermare che una buona attività sessuale è un vero toccasana per la salute. Un team di scienziati australiani sostiene che avere orgasmi regolari riduce del 30 percento il rischio di tumore alla prostata. Uno studio della Rutgers University del New Jersey dim…

Alcol mon amour

Immagine
Il paese dove si beve di più? È la Moldava. Qui, in media, fra birra, vino e superalcolici, ogni abitante consuma all'anno 18,2 litri di alcol puro. La birra si beve soprattutto sull'isola di Palau, nell'Oceano Pacifico, il vino in Lussemburgo; chi beve più superalcolici sono, invece, i sudcoreani. Sono i dati diffusi dal Rapporto 2011 dell'OMS, relativi alla diffusione e ai rischi di un'abitudine che ogni anno miete nel mondo 2,5 milioni di vittime.

Fumetti horror, energia nucleare, balbuzie sull'ultimo numero di Newton

Immagine

L'intelligenza sessuale

Immagine
Il sesso rende più intelligenti. Lo dice Werner Habermel del Centro di Ricerca della città di Amburgo, in Germania. I suoi studi hanno provato che un’attività sessuale intensa e regolare stimola la materia grigia e aiuta a mantenere il cervello giovane e brillante: “Ovviamente non si diventa Einstein facendo sesso – ha detto Habermel – tuttavia le sostanze adrenaliniche che entrano in circolo nel corpo, durante l’atto sessuale e nei preliminari, raggiungono anche la materia grigia che ne trae giovamento”. Gli esperimenti condotti da Habermel hanno permesso di verificare che attraverso il sesso numerose sostanze e ghiandole del corpo umano vengono fortemente sollecitate, riflettendosi positivamente sull’attività cerebrale di un individuo. “Si diventa più intelligenti anche perché durante l’accoppiamento si raccolgono esperienze che possono tornare utili in momenti successivi della vita – ha continuato lo studioso - anche non collegati necessariamente all’aspetto erotico”. Secondo gli e…

I disperati della Torre di David

Immagine
2.500 è il numero di persone che occupa un solo grattacielo nel cuore di Caracas, in Venezuela. Progettata per ospitare banche e uffici, la cosiddetta Torre di David, non è mai stata frequentata ed è stata abbandonata negli anni Novanta. Ora è letteralmente presa d'assalto da persone senza casa e in gravi difficoltà economiche. Il numero di “infiltrati” potrebbe crescere, visto che sono stati occupati solo i primi 28 piani (in tutto ce ne sono 45). La situazione sanitaria, però, è assai precaria. In certi vani non esistono finestre, in alcuni mancano perfino i muri, ci sono ovunque pozze di acqua stagnante, e i balconi sono senza parapetti. La Torre di David è la conseguenza della crisi finanziaria che ha colpito il Venezuela negli anni Novanta.
Il video:

MAMMUT EGIZIANI

Immagine
I famosi plantigradi del Pleistocene potrebbero essere sopravvissuti fino a 4mila anni fa, in concomitanza con lo sviluppo della civiltà egizia. Sono le conclusioni di uno studio effettuato da scienziati di Cambridge, dopo aver analizzato dipinti conservati in una necropoli. Secondo gli esperti, gli egiziani ebbero a che fare con mammuth pigmei, una particolare razza evolutasi in seguito all'innalzamento del livello marino. Erano molto più piccoli dei normali mammut.

L(U)OGHI VAGINALI

Immagine
Una scultura gigante, composta da dieci pannelli realizzati con i calchi dei genitali di 400 donne. È l'opera dell'inglese Jamie McCartney. Coinvolte modelle di ogni età: mamme, figlie, gemelle, transessuali. La scultura, battezzata “Great Wall of Vagina”, ha richiesto cinque anni di lavoro e verrà presentata ufficialmente dal 6 al 31 maggio presso il Brighton Festival Fringe.
Il video:

The Great Wall of Vagina : Trailer from James Lane on Vimeo.

La voce dell'uomo di Neandertal

Immagine
C'era una volta l'uomo di Neandertal, fratello, cugino, prozio dell'uomo moderno… poi l'uomo moderno ha proseguito la sua corsa evolutiva, mentre l'uomo di Neandertal è andato a farsi benedire. Il motivo? Non lo sa ancora nessuno. I più fantasiosi parlano di cannibalismo, altri di fusione fra le due specie… forse non ne verremo mai a capo… in ogni caso è di questi giorni la felice notizia secondo la quale l'uomo di Neandertal parlava: ebbene sì, anche lui, come il sapientone sapiens, sapeva parlare, e forse anche cantare, cosa che non era mai stata confermata. Parlare, cantare, insomma… senz'altro, era in grado di emettere dei suoni, molto più vicini al sapiens che non alla più progredita scimmia antropomorfa. La prova arriva da un team di studiosi della Florida Atlantic University di Boca Raton, guidati dall'antropologo Robert McCarthy, i quali hanno presentato il loro lavoro nel corso dell'annuale meeting dell'American Association of Physical …