Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2012

L'oroscopo più antico

Immagine
La più antica tavola astrologica è stata scoperta da un team di studiosi dell'Istituto di Ricerca Antropologica di Zagabria. Gli scienziati hanno individuato il reperto in una cava affacciata sul Mar Adriatico, chiamata dagli abitanti locali “Spila”. Si riferisce a trenta pezzi di avorio risalenti a più di 2mila anni fa riportanti i segni zodiacali; il reperto, in realtà, è molto malandato ma sono visibili le immagini greco-romane riconducibili a Cancro, Gemelli e Pesci. Probabilmente è il risultato della diffusione dell'astrologia babilonese: «L'archeologia babilonese si è trasformata diventando l'astrologia greca, che è essenzialmente la versione moderna dell'astrologia», racconta Alexander Jones, professore dell'Institute for the Study of the Ancient World. «La tavoletta, quindi sarebbe un'espressione della cultura astrologica pre-moderna». La scoperta è avvenuta in un antro della caverna nel quale, verosimilmente, l'uomo non metteva più piede da pa…

I 90 anni di Luigi Luca Cavalli Sforza

Immagine
Un appuntamento, oggi, da non perdere, al Museo Civico di Storia Naturale di Milano, per tutti gli amanti della scienza (e non solo)...


Una curiosità:
Luca Cavalli-Sforza ha ricordato che durante una lezione al liceo Massimo d'Azeglio, il suo professore di religione disse di non credere nella teoria evoluzionistica. L'allora quattordicenne Luca dichiarò di essersi interessato alla lezione non per ribellione, ma perché le prove riportate dal professore non avevano alcuna base logica, a differenza dell'evoluzione, che sembrava allo studente “del tutto ragionevole”. Qualche anno dopo si rese conto dell'utilità che quella lezione ebbe nelle sue scelte di vita.

Guariti dall'effetto serra

Immagine
Fra il 1970 e il 2008 gli albatri dell'oceano Indiano meridionale sono ingrassati in media di un chilo e le loro uova producono pulcini nel 77% dei casi, contro il 66% dei decenni precedenti. Secondo un articolo apparso su Science il motivo risiede nel fatto che gli uccelli spendono meno tempo a pescare, sfruttando venti più forti alteratesi in seguito al surriscaldamento globale. In pratica il tempo risparmiato in volo viene dedicato alla cova, con tutte le conseguenze (positive) del caso: ingrassamento e pulcini più robusti. Il discorso incuriosisce perché di solito l'effetto serra è messo in relazione a ripercussioni negative sugli animali. In questo caso, evidentemente, vale il contrario. Gli albatri sono tra gli uccelli più grandi sulla Terra e, addirittura, l'albatro urlatore (Diomedea exulans) è il volatile con l'apertura alare più maggiore. Sono molto efficienti in aria, sfruttano le correnti aeree e sono in grado di percorrere grandi distanze con poco sforzo.…

EROI PER CASO

Immagine
Sicché sono finito in copertina con un pezzo che cerco di fare da almeno un anno. Per l'occasione ho avuto modo di leggere il bellissimo libro di Telmo Pievani, La vita inaspettata. Il fascino di un'evoluzione che non ci aveva previsto, e scambiare col filosofo un paio di mail... 

CHIMICHE NEVOSE

Immagine
È un fenomeno che stiamo osservando in questi giorni: la neve chimica. Ma di cosa si tratta esattamente? È un processo meteorologico che avviene in concomitanza con due fattori: freddo intenso e inquinamento. Sicché niente brina o galaverna, ma, appunto, chimica, chimica industriale, fiocchi di neve gelati e... smog. "La neve chimica”, spiega il meteorologo Antonino Sanò, del portale IlMeteo.it, “è un fenomeno raro, tipico delle aree industriali padane. Si intende una precipitazione di fatto nevosa che si origina esclusivamente dalla nebbia in condizioni di temperature negative, ed è permessa grazie alla presenza di nuclei di condensazione, ovvero sali e polveri e altre sostanze prodotte dalle attività antropiche, industriali ed urbane tipiche delle città del nord. Negli ultimi giorni il fenomeno ha colpito parte del Piemonte e della Lombardia, e in particolare il novarese e il milanese. La neve chimica può produrre anche qualche centimetro di manto ghiacciato". Il fenomeno…

Verso la teoria del tutto

Immagine
Nel 1968 Gabriele Veneziano è un ragazzotto di 26 anni, laureatosi in fisica presso l'Università di Firenze, sotto la supervisione di Raoul Gatto, fra i più noti e importanti fisici italiani. Ha da poco cominciato a ragionare sui cosiddetti “modelli duali”, riferiti a complessi calcoli matematici concernenti l'affascinante mondo delle particelle subatomiche: vuole comprendere i misteri che ancora avvolgono l'intimità della materia, per far luce sui limiti che da sempre condizionano la relatività einsteniana, impedendo di perscrutare adeguatamente le dinamiche che si instaurano nel cuore di un atomo. Da qui, inaspettatamente, innesca una serie di studi che porta allo sviluppo di una delle teorie più controverse delle fisica moderna e non ancora del tutto chiarita: la teoria delle stringhe. Di cosa si tratta? È un principio basato sul fatto che le entità fondamentali nel nostro universo non sono rappresentate, come si suol credere, da elettroni, neutrini e quark, bensì da mi…

L'anno che verrà: le previsioni economiche

Immagine
Previsioni di crescita del prodotto interno lordo mondiale nel 2012
Dati in percentuale: 

Nord America: +1,4 America Latina: +3,5 Europa occidentale: -0,2 Medio oriente/Nord Africa: +4,0 Africa Subsahariana: +5,0 Europa orientale: +3,4 Giappone +2,2 Asia: +6,5 
I 10 paesi che cersceranno di più nel 2012

Dati in percentuale: 
Macao: +15,0 Mongolia: +14,8 Libia: +13,6 Angola: +9,9 Niger: +8,5 Cina: +8,2 Etiopia: +8,0 Rwanda: +8,0 Laos: +7,9
Le stime sono state tratte da "The World in 2012", numero speciale dell'Economist. Le proiezioni del World Economic Outlook indicano una crescita globale moderata (4%), che diventa anemica (1,5-2%) se riferita alle sole economie avanzate.

La parola al virologo

Immagine
Intervista a Fabrizio Pregliasco, virologo dell'Universitò di Milano: 

Novembre 11, alguer.it PRONTI PER LA NUOVA ONDATA INFLUENZALE? Per l'Italia è ancora presto. Finora, in Europa, ci sono stati solo isolamenti sporadici del virus nei Paesi settentrionali. Salvo crolli improvvisi delle temperature, l'epidemia dilagherà probabilmente dopo le feste natalizie. Ma è questo il momento giusto per proteggersi. SI RIFERISCE AL VACCINO? Certamente. Le campagne vaccinali sono partite ed è importante aderirvi. La vaccinazione è efficace e sicura. 
Novembre 09, virgilio.it PERCHÈ È UTILE VACCINARSI? La vaccinazione stagionale è da sempre un'opportunità per tutti, anche per i bambini dai 6 mesi in su, mentre diventa addirittura un salvavita per i soggetti più fragili. Per queste persone può essere indicato anche vaccinarsi contro lo Streptococcus pneumoniae, la causa principale della polmonite, che è la complicanza più pericolosa delle forme influenzali. Ottobre 11, la provincia.it

L'ultimo orango

Immagine
Un miliardo di persone nel diciannovesimo secolo, oggi quasi sette miliardi. Sono i numeri che indicano l'eccezionale sviluppo demografico a cui l'uomo è andato incontro negli ultimi duecento anni. Un fenomeno che stiamo pagando a caro prezzo. Poche e lampanti cifre bastano a far comprendere la drammaticità del problema. Dai primi dell'Ottocento è scomparso il 40% delle foreste naturali; dal 1900 abbiamo perso il 50% delle zone umide, comprese le torbiere, fra i più importanti serbatoi di carbonio del pianeta; il tasso di estinzione animale si è rivelato mille volte più rapido di quello stimabile quando l'uomo non c'era. Nel periodo compreso fra il 2000 e il 2005, il Sudamerica ha subito la più ampia perdita di foreste – circa 4,3 milioni di ettari l’anno – seguita dall’Africa, con quattro milioni di ettari l’anno. Tra il 1985 e il 2007, quasi la metà della foresta di Sumatra – terza isola più grande dell'arcipelago indonesiano, dopo Nuova Guinea e Borneo - è …